NEWS DAL MONDO CATTOLICO

 

SAVE THE DATE

NEWS DAL MONDO CATTOLICO

NEWS DAL MONDO CATTOLICO

NEWS DAL MONDO CATTOLICO

EVENTI IN EVIDENZA

  • LEGGI TUTTO

    DA LAINATE AI CONFINI DEL MONDO.

     

    Non è uno slogan pubblicitario, inventato per far conoscere

    l’evento che il 23 Ottobre 2010 ha richiamato a Vercelli almeno tremila persone, non solo dal Nord al Sud dell’Italia, ma anche

    dagli estremi confini del mondo: Brasile, Kenya,  Myanmar, Timor Est, paesi dove le Suore del Preziosissimo Sangue hanno comunità per annunciare il  Vangelo con la loro testimonianza di vita, a servizio dei  bambini, dei giovani, delle famiglie, con particolare attenzione ai più poveri. L’evento, grande e festoso è stato il Rito

    di Beatificazione della Venerabile suor Alfonsa Clerici, vercellese di  adozione, ma originaria di Lainate, dove nacque il 14 febbraio 1860….  Emerge dall’intera sua vita e dalla testimonianza unanime

    di chi la conobbe da vicino, la sua carità materna, vissuta – ha

    detto il Card. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi – fino all’eroismo. Per questo la sua Beatificazione – ha sottolineato l’arcivescovo di Vercelli, Mons. Masseroni - è un dono per tutta la Chiesa, rappresentata nella Cattedrale di S. Eusebio da 30 Vescovi, 60 sacerdoti e da fedeli di tutte le età, uniti in una preghiera corale, condivisa nella gioia: ognuno ha ricevuto il suo messaggio personale, lo ha compreso, lo ha comunicato a tutti quelli che ha incontrato ritornando a casa: è accaduto veramente così... I costumi colorati delle novizie africane, l’intreccio di idiomi diversi, l’esplosione dei canti, le danze composte e insieme festose hanno reso visibile la gioiosa appartenenza a Cristo di nuove generazioni di cristiani corroborate dal Sangue della sua Croce.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Così scriveva, qualche giorno dopo, suor Santina Dino, allora Postulatrice della Causa, che con passione ha dedicato tempo e intelligente competenza allo studio degli scritti, alla ricerca delle testimonianze, alfine di far conoscere a tutti l’inestimabile dono che lo Spirito ha tessuto in questa umile “serva del Signore” che fin dai primi anni della sua vita religiosa aveva giurato il suo proposito, stampandolo sulla carta e nel cuore: “… voglio farmi santa. Tutto quello che il Signore vuole, lo farò”.

     

    Lo scorso gennaio, in prossimità della giornata di preghiera in memoria della Beata Alfonsa, manifestavamo la nostra volontà di iniziare un percorso in vista della celebrazione del decennio della sua Beatificazione e il desiderio che tutti ci lasciassimo toccare, sfiorare, accarezzare, provocare, per cercare di scrivere, accompagnati dal suo esempio, quel cammino di santità che è di ciascuno ma che trova il suo fondamento nella vita di fede che ognuno ha ricevuto col  Battesimo e che ci rende popolo di figli e figlie in cammino.

     

    L’anno è stato ed è segnato, invece, dalle sofferenze e dalle sfide procurate dalla pandemia da covid 19 ed abbiamo sperimentato anche l’impossibilità di riunirci come Chiesa per celebrare l’Eucaristia.

    Capire che cosa Dio ci stia dicendo in questi tempi di pandemia – dice Papa Francesco -  diventa una sfida anche per la missione della Chiesa. La malattia, la sofferenza, la paura, l’isolamento ci interpellano.… In questo contesto – prosegue Papa Francesco - la domanda che Dio pone: «Chi manderò?», ci viene nuovamente rivolta e attende da noi una risposta generosa e convinta: «Eccomi, manda me!» (Is 6,8). Dio continua a cercare chi inviare al mondo e alle genti per testimoniare il suo amore, la sua salvezza dal peccato e dalla morte, la sua liberazione dal male (cfr Mt 9,35-38; Lc 10,1-12).

    Pensiamo al doloroso periodo della grande guerra europea, durante il quale la Beata Alfonsa aumentava le sue preghiere, le sue veglie e parecchie volte, a notte inoltrata, si trovava ai piedi dell’altare, profondamente prostrata davanti a Gesù Eucaristia.

    A lei ci affidiamo e della sua santità facciamo quest’anno memoria grata, confrontandoci con la carità della sua preghiera e delle sue opere a favore dei poveri e dei bisognosi.

     

CALENDARIO

loading...
  • ANNIVERSARI DI PROFESSIONE nell’anno  2019

    25°

    40°

    17.05.1994 - (Brasile)

    Sr Dolores Costa Pinheiro

    Sr Ana Rosa da Silva Brito

    Sr Lucia do Socorro Almeida de Sousa

    Sr Silvia Maria Santos Cardoso

    Sr Maria Goretti Oliveira Pinheiro Lopes

     

    50°

    01.03.1979  - (Brasile)

    Sr Maria José Etelvina de Souza

    Sr Maria Freitas de Araujo

    Sr Maria Madalena Lima de Alencar

    Sr Lisete Palheta Souza

     

    60°

    24.09.1969 - (Italia)

    Sr Marisa Salodini

    Sr Enrica Mattavelli

    Sr Giuseppina Rosa

     

    05.08.1959  - (Italia)

       Sr Franca Sorini

       Sr Maria Villa

       Sr Mariangela Carrera

       Sr Teresina Festa

       Sr Nazarena Penati

       Sr Giovanna Sanvito

       Sr Augusta Sala

       Sr Angela Ghezzi

       Sr Anna Maria Badan

     

    24.01.1959 - (Brasile)

       Sr Mariangela Callado Fadul

     

     

    70°

    31.07.1949 - (Italia)

    Sr Gemma  Brambilla

    Sr Giuseppina Garegnani

     

" Gli uomini coltivano cinquemila rose nello stesso giardino e non trovano quello che cercano.

E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa.

Ma gli occhi sono ciechi, bisogna cercare con il cuore...

è il tempo che hai dedicato alla tua rosa che l’ha resa così importante. "

 

(  'Il Piccolo Principe'   -  Antoine de Saint-Exupéry )

" Gli uomini coltivano cinquemila rose nello stesso giardino e non trovano quello che cercano.

E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa.

Ma gli occhi sono ciechi, bisogna cercare con il cuore...

è il tempo che hai dedicato alla tua rosa che l’ha resa così importante. "

 

(  'Il Piccolo Principe'   -  Antoine de Saint-Exupéry )

NEWS DAL MONDO CATTOLICO

GALLERY

CONGREGAZIONE SUORE

DEL PREZIOSISSIMO SANGUE

 

Monza 20900 [MB]

 

Via Lecco, 6

 

Tel. 039.387422

LE NOSTRE SCUOLE IN ITALIA

 

 

Istituto Scolastico Monza  Liceo Artistico MonzaIstituto Scolastico MilanoLiceo Scienze UmaneScuola dell'Infanzia Borgio VerezziScuola dell'Infanzia Verbania

Copyright © 2017 Congregazione Suore del Preziosissimo Sangue. Tutti i diritti riservati. P.IVA 00701370967

 

EVENTI IN EVIDENZA

  • LEGGI TUTTO

    DA LAINATE

    AI CONFINI

    DEL MONDO.

     

    Non è uno slogan pubblicitario, inventato per far conoscere

    l’evento che il 23 Ottobre 2010 ha richiamato a Vercelli almeno tremila persone, non solo dal Nord al Sud dell’Italia, ma anche

    dagli estremi confini del mondo: Brasile, Kenya,  Myanmar, Timor Est, paesi dove le Suore del Preziosissimo Sangue hanno comunità per annunciare il  Vangelo con la loro testimonianza di vita, a servizio dei  bambini, dei giovani, delle famiglie, con particolare attenzione ai più poveri. L’evento, grande e festoso è stato il Rito

    di Beatificazione della Venerabile suor Alfonsa Clerici, vercellese di  adozione, ma originaria di Lainate, dove nacque il 14 febbraio 1860….  Emerge dall’intera sua vita e dalla testimonianza unanime

    di chi la conobbe da vicino, la sua carità materna, vissuta – ha

    detto il Card. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi – fino all’eroismo. Per questo la sua Beatificazione – ha sottolineato l’arcivescovo di Vercelli, Mons. Masseroni - è un dono per tutta la Chiesa, rappresentata nella Cattedrale di S. Eusebio da 30 Vescovi, 60 sacerdoti e da fedeli di tutte le età, uniti in una preghiera corale, condivisa nella gioia: ognuno ha ricevuto il suo messaggio personale, lo ha compreso, lo ha comunicato a tutti quelli che ha incontrato ritornando a casa: è accaduto veramente così... I costumi colorati delle novizie africane, l’intreccio di idiomi diversi, l’esplosione dei canti, le danze composte e insieme festose hanno reso visibile la gioiosa appartenenza a Cristo di nuove generazioni di cristiani corroborate dal Sangue della sua Croce.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Così scriveva, qualche giorno dopo, suor Santina Dino, allora Postulatrice della Causa, che con passione ha dedicato tempo e intelligente competenza allo studio degli scritti, alla ricerca delle testimonianze, alfine di far conoscere a tutti l’inestimabile dono che lo Spirito ha tessuto in questa umile “serva del Signore” che fin dai primi anni della sua vita religiosa aveva giurato il suo proposito, stampandolo sulla carta e nel cuore: “… voglio farmi santa. Tutto quello che il Signore vuole, lo farò”.

     

    Lo scorso gennaio, in prossimità della giornata di preghiera in memoria della Beata Alfonsa, manifestavamo la nostra volontà di iniziare un percorso in vista della celebrazione del decennio della sua Beatificazione e il desiderio che tutti ci lasciassimo toccare, sfiorare, accarezzare, provocare, per cercare di scrivere, accompagnati dal suo esempio, quel cammino di santità che è di ciascuno ma che trova il suo fondamento nella vita di fede che ognuno ha ricevuto col  Battesimo e che ci rende popolo di figli e figlie in cammino.

     

    L’anno è stato ed è segnato, invece, dalle sofferenze e dalle sfide procurate dalla pandemia da covid 19 ed abbiamo sperimentato anche l’impossibilità di riunirci come Chiesa per celebrare l’Eucaristia.

    Capire che cosa Dio ci stia dicendo in questi tempi di pandemia – dice Papa Francesco -  diventa una sfida anche per la missione della Chiesa. La malattia, la sofferenza, la paura, l’isolamento ci interpellano.… In questo contesto – prosegue Papa Francesco - la domanda che Dio pone: «Chi manderò?», ci viene nuovamente rivolta e attende da noi una risposta generosa e convinta: «Eccomi, manda me!» (Is 6,8). Dio continua a cercare chi inviare al mondo e alle genti per testimoniare il suo amore, la sua salvezza dal peccato e dalla morte, la sua liberazione dal male (cfr Mt 9,35-38; Lc 10,1-12).

    Pensiamo al doloroso periodo della grande guerra europea, durante il quale la Beata Alfonsa aumentava le sue preghiere, le sue veglie e parecchie volte, a notte inoltrata, si trovava ai piedi dell’altare, profondamente prostrata davanti a Gesù Eucaristia.

    A lei ci affidiamo e della sua santità facciamo quest’anno memoria grata, confrontandoci con la carità della sua preghiera e delle sue opere a favore dei poveri e dei bisognosi.

     

Copyright © 2017 Congregazione Suore del Preziosissimo Sangue.

Tutti i diritti riservati. P.IVA 00701370967

GALLERY

2017

00701370967